CONTATTI ISCRIVITI CENTRI CONSIGLIO DIRETTIVO CHI SIAMO
Area Soci
Controllo credenziali...
Kidney - KID
Servizi - Area dedicata ai Soci
Lettere del presidente Verbali consiglio direttivo Verbali CD 2015 Elenco soci
Corsi e Convegni
Calendario Atti Congressuali Richiesta patrocinio SINEPE Richiesta inserimento evento
Aggiornamento
Registri e Gruppi di studio Manuale ESPN Journal Club Linee guida Link di comune interesse dicofarm dicofarm
Visite n.
Per iscriversi gratuitamente clicca qui

Invio abstract a info@sinepe.it

L'iscrizione è legata alla presentazione di un abstract da presentare entro il 20 aprile 2018.
L'abstract deve essere così strutturato: 300 parole comprensive di introduzione, caso clinico e conclusioni.
Nell'abstract occorre indicare l'anno di corso della specializzazione.
Gli abstract dei casi clinici dovranno essere uninominali.

Sarà premura della Segreteria invierà conferma ufficiale di iscrizione e le informazioni relative al soggiorno.

Giornata Internazionale della Donna e la Giornata mondiale del Kidney’s & Woman’s Health!

Carissime e carissimi,

l’Marzo 2018 si celebrano contemporaneamente la Giornata Internazionale della Donna e la Giornata mondiale del Kidney’s & Woman’s Health!

Questa occasione ci offre l’opportunità di riflettere sull’importanza della salute delle donne e in particolare della loro salute renale.

La giornata mondiale del Rene, nel suo 13° anniversario, promuove l’accesso equo e giusto delle cure, all’educazione e alla prevenzione delle malattie renali per tutte le donne del mondo, in particolare durante la gravidanza per prevenire in epoca fetale le malformazioni congenite del rene e delle vie urinarie e le malattie genetiche renali , principale causa di insufficienza renale in età pediatrica. Inoltre è importante seguire le donne in gravidanza per ridurre il rischio di prematurità e basso peso alla nascita del neonato, essendo fattori di rischio per sviluppo di ipertensione e malattia renale cronica in età adulta.

Aumentiamo la consapevolezza dell’importanza dei reni di ogni persona e lavoriamo per ridurre la prevalenza delle malattie renali in tutte le Donne del Mondo!

Un caro saluto a nome del nostro Consiglio Direttivo e Scientifico e….. camminiamo insieme!

Luisa Murer
Presidente S.I.Ne.Pe.

Sindrome emolitico Uremica (SEU)

La Sindrome Emolitico-Uremica (SEU) è una malattia rara ed acuta di notevole gravità, caratterizzata da anemia emolitica non autoimmune, piastrinopenia e microangiopatia trombotica a prevalente interessamento renale, che comporta nella maggior parte dei casi insufficienza renale e necessità di dialisi.

La SEU può essere distinta in forma "tipica" ed "atipica". In oltre il 90% dei casi, la SEU è tipica ed è causata da un'infezione gastrointestinale da Escherichia coli produttori di Shigatossina (STEC o VTEC). Il reservoir naturale di tali microrganismi è costituito dall'intestino dei ruminanti, in particolare i bovini. La trasmissione all'uomo può avvenire per contatto diretto con gli animali o per assunzione di alimenti e acque contaminati (latte e derivati non pastorizzati, carne poco cotta, verdure ed acque contaminate da feci di ruminati infetti) ma anche attraverso la via persona-persona (via oro-fecale). Questa condizione si verifica più frequentemente in età pediatrica e si manifesta inizialmente con diarrea, spesso emorragica, vomito e dolore addominale. L'infezione da STEC può colpire anche gli adulti nei quali la malattia in genere ha un decorso lieve o addirittura asintomatico e più raramente causa la SEU. Sulla base dei dati raccolti dal Registro Italiano della Sindrome Uremico-Emolitica, negli ultimi 54 anni in Italia, il tasso medio di incidenza annuale della SEU è pari a 0.7 casi per 100.000 (0-15 anni di età) ed è più elevato nella fascia di età da 0-4 anni (2.0 casi per 100.000). Il 25% - 30% dei pazienti può essere interessato, oltre che da insufficienza renale acuta con necessità di dialisi, da complicazioni di tipo neurologico. Nella fase acuta, la SEU può essere fatale nel 3-5% dei casi ed una percentuale simile può sviluppare insufficienza renale cronica. In oltre il 70% dei casi, la SEU tipica va incontro a guarigione completa, senza conseguenze renali. In fase acuta, la diagnosi di laboratorio è basata sull'isolamento del ceppo STEC dalle feci o sull'identificazione della presenza della tossina ovvero dei geni stx1, stx2 (codificanti per la Shigatossina tipo 1 e 2) e per il fattore di adesione eae nelle feci. Inoltre, è possibile ricorrere più tardivamente alla diagnosi sierologica basata sul rilevamento di anticorpi circolanti sierogruppo-specifici diretti contro il lipopolisaccaride del ceppo STEC infettante. In Italia campioni di feci e di sangue possono essere inviati per la diagnosi di conferma presso il Laboratorio Nazionale di Riferimento (LNR) per Escherichia coli presso l'Istituto Superiore di Sanità (http://www.iss.it/coli/). Ai sensi del DM 15/12/1990, i casi di malattia clinica associati ad infezione da STEC, sono soggetti a notifica obbligatoria in classe II, come diarree infettive non da salmonelle. Informazioni epidemiologiche sulle infezioni da E.coli produttori di Shigatossina (STEC) e SEU, in Italia e in Europa possono essere reperite sui siti dello European Centre for Disease Prevrntion and Control (ECDC) (https://ecdc.europa.eu/en/surveillance-atlas-infectious-diseases) e European Food Safety Authority (https://www.efsa.europa.eu/en/efsajournal/pub/4634).

L'assenza di diarrea sanguinolenta, gli esami fecali negativi per infezioni da STEC, l'andamento rapido e severo, solitamente con necessità dialitica, e gli elevati valori di pressione arteriosa, sono segni che orientano per una diagnosi di SEU atipica. La forma atipica di SEU è una malattia molto rara (5-10% dei casi) che può essere secondaria a infezioni non-STEC, farmaci, tumori, malattie metaboliche ed autoimmuni, ipertensione arteriosa maligna, deficit di ADAMTS13. Nel 60% dei casi, le forme atipiche sono comunque associate ad anomalie genetiche della via alternativa del complemento. La prevalenza di questa condizione è stimata di 1-9 casi per milione, può colpire sia bambini sia adulti e può presentarsi in forma sporadica o familiare. Si può manifestare come unico episodio nella vita del paziente o può recidivare dopo completa guarigione dall'episodio iniziale (forma ricorrente), anche dopo trapianto di rene. Per tutti i casi di sospetta SEU atipica c'è l'indicazione ad effettuare uno screening genetico completo per i geni noti correlati: CFH, MCP, CFI, C3, CFB, THBD, DGKE. In Italia, il laboratorio di riferimento per le indagini biochimiche e genetiche della SEU da alterazione della via complementare ha sede a Ranica (BG), presso il Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare "Aldo e Cele Daccò", IRCCS Mario Negri, che coordina anche il Registro Internazionale per le Forme Familiari e Ricorrenti di Sindrome Emolitico Uremica e Porpora Trombotica Trombocitopenica (PTT) (http://villacamozzi.marionegri.it/seu/index.php).

In Italia, la SINePE ha attivato, fin dal 1988, una sorveglianza epidemiologica dei casi di SEU. Nel 2005 tale attività è stata consolidata dalla collaborazione con l'Istituto Superiore di Sanità, mediante la costituzione del Registro Italiano della Sindrome Emolitico Uremica (http://www.iss.it/seu/index.php?lang=1) che, attualmente, rientra tra gli studi progettuali del Sistema Statistico Nazionale. Al Registro partecipano i Centri Italiani di Nefrologia Pediatrica (Ancona, Bari, Bologna, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Roma, Torino, Trieste), con attuale coordinamento dal parte dell'ISS. Da ottobre 2017 è stato formalizzato un accordo di collaborazione tra ISS e SINePe, finalizzato all'istituzione di un Sistema Informativo SEU (https://w3.iss.it/Site/seu/Login?AspxAutoDetectCookieSupport=1) che ha lo scopo di promuovere la recensione dei casi di SEU in Italia e in Europa, collaborando con l'ISS, Ministero della Salute e le altre Istituzioni competenti nella prevenzione e terapia della malattia. In accordo con la SINePe e la Società Italiana di Nefrologia (SIN), il Registro Italiano SEU - ISS ha identificato come partner collaborativo per le SEU atipiche il Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare "Aldo e Cele Daccò" presso l'IRCCS Istituto Mario Negri di Bergamo.

Professionisti sanitari e famiglie possono acquisire informazioni più dettagliate in merito alla SEU presso i siti web del Registro Italiano della Sindrome Uremico-Emolitica e dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

http://www.iss.it/seu/index.php?lang=1 http://villacamozzi.marionegri.it/seu/index.php


Survey sulle dilatazioni delle vie urinarie a riscontro prenatale

Caro Socio,
ti proponiamo una survey con lo scopo di conoscere l’approccio diagnostico sulle dilatazioni delle vie urinarie a riscontro prenatale. Trattandosi di un’indagine conoscitiva, non ci saranno risposte esatte o sbagliate, ma confidiamo che le risposte che darai rispecchino...

Continua
In evidenza

la SINEPE ha aderito al progetto Chosing Wisely Italy, fare di più non significa fare meglio


Ha prodotto Cinque raccomandazioni su delle pratiche a rischio d’inappropriatezza per quanto riguarda la nefrologia pediatrica.

Continua
In primo piano
Realizzato e gestito da Biomedia s.r.l.